Media center > Comunicati stampa

Azienda > Responsabilità sociale

Samsung Innovation Camp: presentati i project work finalisti e i vincitori dell’Università degli Studi di Chieti e Pescara

27-05-2019
CONDIVIDI

http://bit.ly/2HVVgrc

Chieti, 27 maggio 2019 – oggi, presso la sede dell’Università degli Studi “Gabriele d’Annunzio” di Chieti e Pescara, si è tenuta la cerimonia di chiusura della seconda edizione di Samsung Innovation Camp, la prima per l’Ateneo abruzzese, con la premiazione dei gruppi che hanno presentato i migliori project work alle due realtà aziendali coinvolte nel progetto di Innovation Camp, Next2U e Tenuta Pescarina.

 

L’iniziativa, sviluppata da Samsung Electronics Italia in collaborazione con Randstad, è nata con l’idea di accompagnare gli studenti di una rete di università pubbliche italiane in un percorso formativo sull’innovazione, per trasformare il futuro in presente e accompagnare i ragazzi alla scoperta di nuovi scenari professionali.

 

Per la fase finale di Innovation Camp in Abruzzo, sono stati selezionati i due migliori progetti, scelti tra i 347 studenti e neo-laureati partecipanti nella sola Università degli Studi di Chieti e Pescara, e analizzati sulla base della qualità della proposta che hanno sviluppato in risposta ai business case commissionati da Next2U e Tenuta Pescarina, le due eccellenze locali che hanno aderito in questi mesi all’iniziativa in collaborazione con l’Università.

 

I due progetti vincitori:

 

  • Gruppo vincitore per il Project Work di Next2U: L’azienda ha chiesto agli studenti di condurre un’analisi di mercato e di sviluppare uno studio di fattibilità per il lancio del nuovo dispositivo Next2U TV. In particolare, è stato chiesto agli studenti di effettuare un’analisi demografica per individuare i potenziali target e di studiare il contesto legale e burocratico di riferimento, tenendo in considerazione gli ambiti in cui opera la concorrenza e cercando di individuare i margini di mercato in cui Next2U offre elementi di vantaggio competitivo. Il Team Gamma, per il lancio del nuovo dispositivo Next2U TV, ha individuato un ambito di applicazione completamente nuovo per l’azienda, quello del gaming. La proposta del gruppo nasce da un’analisi del mercato dei videogiochi e dalla crescente esigenza, da parte dei genitori dei piccoli giocatori, di poter controllare quanto tempo passano i propri figli davanti alla console e, soprattutto, come. Da qui nasce l’idea di implementare nelle console da gaming i sensori di imaging termico prodotti dall’azienda, per monitorare a analizzare il comportamento e le emozioni dei giocatori, come il livello di stress o l’impressionabilità davanti a immagini violente.
  • Gruppo vincitore per il Project Work di Tenuta Pescarina: Storica tenuta vinicola di Spoltore (Pescara), Tenuta Pescarina ha proposto agli studenti di ripensare l’intera presenza digitale dell’azienda per accrescere l’interesse verso i prodotti e incrementare le vendite online. Per farlo ha suggerito agli studenti di definire un target di riferimento, di creare uno storytelling per raccontare la storia della tenuta e di ideare contenuti per i social media, con conseguente strategia per aumentarne la diffusione. Infine, ha chiesto di analizzare l’efficacia della promozione pubblicitaria effettuata fino ad oggi dall’azienda. Il gruppo Best Sellers ha elaborato una strategia per rivoluzionare la presenza digital di Tenuta Pescarina basandosi sulla customer journey di quattro personas identificate come i principali tipi di clientela. Analizzando i “punti di debolezza” delle varie journey, gli studenti del gruppo hanno ridisegnato l’alberatura del sito e hanno proposto di aggiungere tre punti di contatto social (Facebook, Youtube e Instagram), attraverso i quali veicolare dei brevi video sulla Tenuta e sui suoi prodotti, con ricette e consigli sull’abbinamento dei vini. Gli studenti hanno anche proposto di inserire un QR Code sulle etichette dei vini, per poter accedere a questi contenuti direttamente dalle bottiglie.

 

Alla cerimonia hanno partecipato il prof. Mario Luigi Rainone, Delegato per le attività di Placement, dell’Università degli Studi di Chieti e Pescara, Anastasia Buda, Corporate Citizenship Manager di Samsung Electronics Italia, Arcangelo Merla, fondatore di Next2U e Francesco Cerulli Irelli, Amministratore di Tenuta Pescarina.

 

Samsung Innovation Camp: il progetto

 

Il principale obiettivo della seconda edizione di Samsung Innovation Camp (sito dedicato: www.innovationcamp.it) è stato quello di trasferire agli studenti competenze complementari a quelle che vengono fornite nei tradizionali percorsi accademici attraverso lo studio delle possibilità offerte dall’innovazione tecnologica e dalla digitalizzazione, grazie anche al contatto diretto con imprese del territorio. Il coinvolgimento attivo di numerose aziende locali in tutta Italia ha rappresentato la principale novità di quest’anno e ha dato agli studenti la possibilità di portare innovazione nei settori economici tipici del nostro paese, facilitando il passaggio spesso complesso dal mondo della scuola a quello del lavoro. Durante il percorso, grande importanza è stata data anche alle competenze trasversali e alla collaborazione tra studenti appartenenti a corsi di laurea differenti.

 

Ogni studente di Innovation Camp ha avuto la possibilità di creare un mix vincente tra i concetti appresi durante il proprio percorso di studi universitari e le competenze acquisite grazie a questo progetto, nonché di metterle in pratica collaborando direttamente con le aziende, selezionate per dare l’opportunità agli studenti di conoscere le realtà del loro territorio e di confrontarsi con temi/project work reali. Nello specifico Samsung Innovation Camp ha messo a disposizione degli studenti di 18 università pubbliche italiane, da Trento a Catania, dal Piemonte al Salento, una piattaforma di e-learning costituita da una dashboard di lezioni e contenuti di approfondimento multimediali divisi in 8 moduli da fruire online. Gli argomenti del corso hanno toccato i temi più interessanti dello scenario digitale contemporaneo, dal business al digital marketing, passando per tecnologie, analytics e cyber-education, e sono stati integrati da testimonianze di professionisti e da casi di successo.

 

I migliori 60 studenti di ogni ateneo, classificati in base al punteggio ottenuto nei test al termine degli 8 moduli, hanno avuto accesso alla seconda fase di formazione in aula presso la propria università di iscrizione, dove hanno potuto seguire le lezioni tenute da un docente dell’ateneo, che ha approfondito i contenuti affrontati nei moduli online, e da professionisti Samsung e Randstad, che hanno tenuto degli interventi formativi rivolti agli studenti. La qualità del corso online e delle lezioni svolte durante la seconda edizione di Samsung Innovation Camp è stata riconosciuta anche a livello accademico: alcune università hanno infatti deciso di offrire da 1 a 3 CFU a chi ha ottenuto l’attestato di partecipazione e/o ha partecipato alla fase in aula e ai lavori di gruppo.

Durante le lezioni, le aziende provenienti dal territorio dove ha sede l’università e coinvolte nel progetto hanno assegnato ciascuna un project work sul tema dell’innovazione nel proprio settore di operatività. Gli studenti hanno avuto la possibilità di svolgere il project work riuniti in gruppi multidisciplinari, al fine di favorire il lavoro di squadra e la collaborazione tra profili con competenze complementari. Alla fine del percorso, è previsto un evento finale, presso le sedi aziendali o universitarie di ogni città coinvolta, durante il quale lo studente o il gruppo che ha elaborato il project work migliore presenterà il proprio lavoro ai dipendenti, ai rappresentanti di Samsung, di Randstad e a quelli dell’ateneo.

 

Samsung Innovation Camp, seconda edizione: i principali numeri dell’iniziativa

 

In tutta Italia, sono stati oltre 10.000 gli studenti registrati alla piattaforma di Samsung Innovation Camp, con un buon equilibrio tra ragazzi (46%) e ragazze (54%), a dimostrazione di un interesse per le discipline legate ai lavori digitali paritetico tra uomini e donne. Oltre agli studenti in corso, hanno partecipato con entusiasmo anche molti neolaureati, che hanno raggiunto il 25% degli iscritti totali.

 

I moduli e le lezioni della seconda edizione di Samsung Innovation Camp hanno offerto ai ragazzi un tipo di formazione assolutamente trasversale, rilevante indipendentemente dal corso di studi, elemento che ha ribadito ancora di più che oggi le competenze digitali sono assolutamente fondamentali in qualsiasi ambito professionale. Questo dato è confermato dal fatto che gli iscritti provengono da più di 15 aree di studio diverse: economia e finanza (30%); ingegneria (13%); scienze umanistiche (9%); scienze della comunicazione (6%); scienze giuridiche (5%); marketing (5%); scienze politiche (3%) le principali.

 

Da oltre 26 anni Samsung si impegna per lo sviluppo del digitale e la diffusione della cultura dell’innovazione in Italia. E, in qualità di digital enabler, cerchiamo di offrire ai più giovani utili strumenti e competenze per affrontare al meglio il mondo del lavoro, sempre più permeato dalla tecnologia. Grazie all’alto livello di partecipazione alla seconda edizione di Samsung Innovation Camp, che stiamo riscontrando da parte degli studenti universitari in tutta Italia, comprendiamo che ci stiamo muovendo nella giusta direzione, e che siamo stati in grado di costruire, insieme a nostri partner, un solido ecosistema formativo in ambito digitale, che aiuterà i ragazzi a diventare professionisti ancora più qualificati e competitivi”, commenta Mario Levratto, head of marketing & external relations di Samsung Electronics Italia. 

 

“Next2U nasce con l’obiettivo stesso di portare l’innovazione nella vita quotidiana, sviluppando prodotti commerciali basati sulle ultime frontiere della ricerca scientifica. Partecipare per la prima volta a Samsung Innovation Camp ha permesso a Next2U entrare in contatto con una realtà aziendale ed accademica che condivide quest’approccio traslazionale, affermandosi come punto di riferimento locale per la diffusione delle competenze digitali e ponendo le basi per la creazione di un prolifico network di innovazione tecnologica.”, commenta Arcangelo Merla, fondatore di Next2U.

http://bit.ly/2HVVgrc

In caso di problemi relativi al servizio clienti, accedere a samsung.com/it/support per ricevere assistenza.
Per richieste di informazioni, i media possono contattare ufficio.stampa@samsung.com.

Mappa del sito

Vai all'inizio